Nel Prestito tra Privati non occorrono obbligatoriamente garanzie

Il prestito tra privati può essere richiesto tra amici, tra parenti ma anche tra due perfetti sconosciuti. Una cosa deve accomunare il tutto: il prestito dovrà essere registrato.

E’ ovvio che se per prestito si intende una piccola somma di denaro, inferiore ai 100€ che magari si è ottenuta da un genitore non sarà necessaria alcuna registrazione. Andrà fatta se invece la somma di denaro risulterà essere consistente.

Come può essere prestato il denaro? Potrà essere fatto un bonifico bancario sul conto del debitore, si potrà intestare un assegno circolare a nome del debitore o si potrà procedere con i contanti. Per evitare problemi di tipo fiscale sarebbe più opportuno procedere con i primi due casi in quanto è possibile tenere traccia dello spostamento di denaro e, con l’apposita registrazione del prestito non si avranno mai problemi.

Tra i vari tipi di finanziamento che è possibile avere tra due soggetti privati vi è anche quello cambializzato. Si chiama prestito cambializzato tra privati cittadini. Nessuna banca interviene nel passaggio di denaro che andrà dal creditore al debitore.

Il creditore presterà il denaro e il debitore firmerà le cambiali e si impegnerà, in solido, ad effettuare il rimborso pagando ogni cambiale prima che si raggiunga la data di scadenza della stessa. Su ciascuna cambiale è infatti presente una data, data entro la quale dovrà essere saldata.

I prestiti cambializzati tra privati possono a volte essere molto convenienti perché il tasso d’interesse può essere pattuito tra chi presta e chi ottiene il denaro. E’ necessario però che questo tasso d’interesse non sia dichiarato usuraio e cioè che non sia maggiore di quello massimo indicato dalla Banca d’Italia. Ricordiamo che applicare un tasso usuraio ad un finanziamento è un’azione illegale.

Per quello che riguarda le garanzie, i due privati cittadini possono mettersi d’accordo tranquillamente. Non essendoci istituti di credito di mezzo sarà possibile accordarsi civilmente senza dare spiegazioni a nessun altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *